Privacy Policy DISOPERCOLATURA e SMELATURA – Pitarresi CMA

DISOPERCOLATURA e SMELATURA

  /    /  DISOPERCOLATURA e SMELATURA

Per giungere alla fase finale, ci sono diversi processi che l’apicoltore deve seguire.

La prima fase è la disopercolatura, consiste nell’aprire lo strato di cera che chiude le cellette contenenti il miele. Viene effettuata con l’ausilio di forchette o coltelli, che talvolta sono riscaldati per facilitare e velocizzare il lavoro. Gli apicoltori professionisti svolgono questa operazione con l’aiuto di macchine, chiamate disopercolatrici, che possono essere semi automatiche, o automatiche. Una volta disopercolato

il telaino dev’essere smelato.

La seconda fase è la smelatura, che avviene mediante l’estrazione del miele per via di una centrifuga, che fa fuoriuscire il miele e permette di riutilizzare i favi. Esistono diverse misure e modelli di smelatori,

la scelta avverrà in base al tipo di necessità e bisogno. I favi vengono caricati l’uno ad uno ed è consigliabile bilanciare il peso all’interno di ogni raggio, per evitare che lo smelatore si usuri più velocemente.

Lo smelatore può essere manuale o motorizzato, anche questa scelta dev’essere fatta in base alla quantità di arnie che si possiede, e al tempo che si ha a disposizione.

La terza fase è la decantazione e filtrazione. Una volta smelato, il miele dev’essere fatto decantare e filtrato subito dopo la smelatura. Alcuni apicoltori professionisti scelgono di procedere solo alla decantazione,

che porta alla separazione per differenza di peso specifico delle impurità. In questo caso il miele non può essere invasettato, ma potrà essere venduto all’ingrosso (fusti).

Il miele una volta smelato, viene introdotto in un contenitore che si chiama maturatore, sopra cui viene incastrato il filtro; a questo punto il miele viene trasportato per mezzo di un secchio o una pompa

e transita nel filtro, per poi rimanere all’interno del maturatore per circa 20 giorni, questo periodo fa sì che tutte le impurità salgono in superfice.

La filtrazione consente di purificare il miele senza immobilizzarlo; esistono anche delle vasche per filtrare il miele, sono la vasca a decantazione e la vasca di pescaggio, che permettono di filtrare il miele in

tempi più ridotti.

A questo punto il miele potrà essere invasettato, e consumato.